mercoledì 28 gennaio 2015

Tagliatelle con carciofi, baccalà e pomodorini

Sono di nuovo in forma. La settimana in ospedale è ormai un ricordo. Il mio fisico sta riprendendo le forze, la vivacità e la voglia di fare. Tante donne di fronte ad un intervento del genere, ne escono provate anche dal punto di vista psicologico, sentendosi private di una parte del corpo fondamentale che ci ha reso donne e mamme. Mamma lo sono già da quasi 18 anni, compagna ed amante di un uomo meraviglioso e donna lo sono ogni giorno di più. Cos'altro pretendo? Nulla!!! Sono una donna fortunata e cerco di ricordamelo ogni singolo giorno...


"Non è un viaggio, tutti i viaggi finiscono ma noi andiamo avanti. Il mondo gira e noi giriamo assieme a lui, i progetti svaniscono, i sogni prendono il sopravvento, ma ovunque vada ci sei tu, la mia sorte, il mio destino, la mia fortuna".










Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr di tagliatelle fresche
  • 3 carciofi freschi
  • 200 gr di baccalà ammollato
  • 15 pomodorini Pachino
  • 2 acciughe sott'olio
  • 1 scalogno
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 limone
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • origano 
  • olio evo
  • sale, pepe











































Pulite i carciofi, tagliateli a fette sottili e metteteli immediatamente in una ciotola con acqua e limone (foto 1). In una padella, soffriggete lo scalogno tritato finemente e lo spicchio d'aglio in olio evo. Unite i carciofi, saltateli per pochi minuti, coprite e cuocete per 4-5 minuti. Eliminate l'aglio, aggiungete i pomodorini tagliati in quarti, fateli appassire appena, unite i filetti di acciuga sottolio ed il baccalà. Regolate di sale, se necessario, unite una presa di origano, cuocete per alcuni minuti (foto 2).  Lessate le tagliatelle in abbondante acqua salata, unitele al condimento, irrorate con un filo di olio, il parmigiano grattugiato e saltate. Servite immediatamente.


foto 1
foto 3
foto 2

giovedì 15 gennaio 2015

Branzino in millefoglie con gamberi

Sto vivendo in questo periodo momenti meravigliosi, di totale serenità e pace. Di amore puro e dell'armonia tipica di una famiglia veramente felice, che fino ad ora invece non avevo mai respirato. Attimi unici, colmi di risate, di cene calorose, di giochi e sfide fino a notte inoltrata sul tabellone del Monopoli. Di stazionamenti notturni davanti alle discoteche per riportarla a casa, mentre noi ci teniamo svegli a vicenda cantando a squarciagola in auto. Di sorprese pensate insieme, di weekend rigeneranti fuori porta, di grandi e futuri progetti. Con questo post, voglio ringraziare pubblicamente il mio compagno Roberto, che mi sopporta e mi appoggia in tutte le mie decisioni. Che compensa la parte troppo impulsiva e testarda e talvolta pessimista che è radicata nelle mie vene, con la parola sempre giusta per ogni occasione, e con l'innata razionalità e maturità che gli appartengono. Sei speciale, sei il mio amore. Sei l'anello mancante di questa meravigliosa famiglia...









Ingredienti per 4 persone:


  • 4 filetti di branzino
  • 20 gamberi
  • erba cipollina
  • olio evo
  • 2 cucchiai di pesto fresco
  • sale, pepe

Per i pomodorini confit:

  • 1/2 kg di pomodorini datterini
  • 50 gr di sale fino
  • 25 gr di zucchero semolato
  • 1 arancia 
  • 3 rametti di timo
  • olio evo








































Per i pomodorini confit: preparate un sale bilanciato, mescolando sale, zucchero, la scorza grattugiata di un'arancia e foglie di timo. Ungete una teglia con olio evo, sistemate i pomodorini ben lavati lasciandoli uniti (foto 1), cospargeteli con 3-4 pizzichi di sale bilanciato. Irrorateli con un filo di olio ed infornateli a 160° per un'oretta, fino a quando si saranno raggrinziti. Per il branzino: pulite i gamberi, ricavate da ogni filetto di branzino 2 tranci quadrati. Eliminate la pelle solo ad 1 trancio (foto 2). Sistemate i tranci con la pelle su una teglia ricoperta di carta da forno. Ungeteli leggermente di olio, regolate di sale e pepe. Sistemate su ogni trancio 5 gamberi (foto 3), condite con poco sale, pepe ed un giro di olio. Adagiate il trancio senza pelle, legando poi il tutto con 1 filo di erba cipollina sbollentata in precedenza. Salate, pepate e ungete il trancio superiore. Cuocete in forno preriscaldato a 180 gr per 15-20 minuti. Servite la millefoglie di branzino, accompagnata dai pomodorini confit e da pesto fresco.


foto 3
foto 2

lunedì 12 gennaio 2015

Millefoglie di chantilly al passion fruit

Ogni felice ricorrenza, qualsiasi essa sia, viene festeggiata sempre con un dolce. Della tradizione, delle feste, il preferito in assoluto, oppure quello che rende felice e stupisce ogni volta le persone alle quali vuoi bene, il dessert a fine pasto è sempre il piatto più atteso dai golosi e non solo.
Oggi festeggiamo il ritorno a casa, dopo tanti giorni colmi di preoccupazioni e notti insonni, del mio papi dall'ospedale. Anche oggi, mi ritrovo ad osservarlo di nascosto, e quasi non lo riconosco. Non è più lui! Dove è finito l'uomo forte, coraggioso, spericolato e vanitoso che ci prendeva tutti a spalle? Davanti agli occhi vedo un uomo fragile, debole con un filo di voce, le mani tremanti, gli occhi spenti e tristi, ma il suo sorriso davanti al mio dessert di oggi è sempre quello. Ho capito che questo è l'unico, forse, modo che ho di renderlo felice. E continuerò a farlo.....









Ingredienti per 4 persone


Per la sfoglia:

  • 1 rotolo di pasta foglia
  • 30 gr di zucchero a velo

Per la crema pasticciera:

  • 250 gr di latte intero
  • 75 gr di tuorli
  • 75 gr di zucchero semolato
  • 20 gr di amido di mais
  • 1 baccello di vaniglia

Per la farcitura:


  • 200 gr di panna fresca
  • 150 gr di mascarpone
  • 50 gr di zucchero a velo
  • 100 gr di crema pasticciera              
  • 2 passion fruit    
































Per la crema pasticciera: versate in una ciotola i tuorli, lo zucchero e l'amido di mais. Montate il tutto con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Nel frattempo, portate a bollore il latte con la polpa del baccello di vaniglia, unitelo poi a filo sul composto di tuorli e zucchero, mescolando energicamente con una frusta. Rimettete sul fuoco e lasciate addensare. Versate la crema ottenuta in una ciotola, copritela a filo con della pellicola e lasciate raffreddare. Per la sfoglia: stendete la pasta sfoglia con il mattarello, ricavate con l'aiuto di un coppapasta del diametro di 8 cm, 12 dischetti. Adagiateli su una teglia ricoperta di carta da forno. Appoggiate un'altro foglio di carta sui dischetti ed un'altra teglia. Infornate in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti circa. Togliete la teglia dal forno, eliminate la copertura di carta e teglia, spolverizzate i dischetti con zucchero a velo (foto 1) ed infornate ancora per pochi minuti, facendo attenzione a non far colorire troppo lo zucchero. Sfornate e lasciate raffreddare. Per la farcitura: montate la panna fresca con lo zucchero a velo.  Unite 100 gr di crema pasticciera preparata in precedenza, il mascarpone ed il succo dei passion fruit. Mescolate il tutto delicatamente dal basso verso l'alto. Riponete la crema chantilly ottenuta (foto 2) in frigorifero. Per il montaggio: versate la crema in un sac à poche, e create dei ciuffetti su ogni disco di sfoglia (foto 3) sovrapponendoli e terminando con la sfoglia. Servite la millefoglie. decorandola a piacimento con zucchero a velo e passion fruit.


foto 1
foto 3
foto 2

martedì 6 gennaio 2015

Paccheri ripieni di porcini e provolone su crema di zucca

Inizia un nuovo anno. Il periodo di festa e dei ritmi rallentati delle vacanze natalizie si è ormai concluso con questo ultimo giorno. Inutile e superfluo fare bilanci sull'anno appena terminato, inutile paragonarlo ai precedenti, inutile partire prevenuti o malinconici in questo 2015. Ogni anno, nel bene o nel male, è prezioso e da ricordare. Ogni anno è composto inevitabilmente da periodi favorevoli, spensierati, di gioie assolute, ma altrettanto di pensieri e momenti meno allegri. In ognuno di noi dobbiamo trovare la forza di trasformare questi momenti in energia positiva. La vita va avanti inesorabilmente e sono convinta che il meglio, nonostante tutto, ci stia sempre davanti. A qualsiasi età...

"La felicità non è avere quello che si desidera, ma desiderare quello che si ha". O. Wilde








Ingredienti per 4 persone:

Per i paccheri farciti:

  • 12 paccheri di Gragnano
  • 500 gr di funghi porcini
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 fette di speck
  • 100 gr di Auricchio piccante
  • olio evo
  • sale, pepe

Per la crema di zucca:

  • 700 gr di zucca
  • 1 scalogno
  • olio evo
  • 1 rametto di rosmarino
  • sale, pepe





































Per la crema di zucca: avvolgete la fetta in carta stagnola. Cuocetela in forno a 170° per un'oretta. Una volta raffreddata, prelevate la polpa con l'aiuto di un cucchiaio. In una padella stufate lo scalogno in olio evo, unite la polpa di zucca e qualche ago di rosmarino,  e lasciate insaporire per 10-15 minuti, aggiungendo, nel caso si asciugasse troppo, acqua. Versate la polpa in un mixer e frullate. Tenete da parte. Per i paccheri farciti: in una padella soffriggete gli spicchi d'aglio con il prezzemolo tritati in olio evo. Unite i funghi porcini tagliati a cubetti, fate rosolare e regolate di sale e pepe (foto 1). Nel frattempo lessate in abbondante acqua salata i paccheri, mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno per per farli appiccicare al fondo della pentola. Tritate i funghi grossolanamente ed il provolone piccante a piccoli cubetti (foto 2). Mescolateli insieme e farcite i paccheri con questo ripieno. Sistemate 3 paccheri farciti avvolti da una fetta di speck su una teglia ricoperta di carta da forno. Gratinate per 5 minuti in forno preriscaldato a 170° fino a quando il provolone si sarà sciolto e lo speck diventato croccante. In un piatto fondo, versate un mestolino di crema di zucca, adagiate al centro i paccheri gratinati, ed un filo di olio evo. Servite immediatamente.


foto 1
foto 3
foto 2